Hai superato il divorzio? post immagine

Hai superato il divorzio?


Qualcuno di voi è arrivato in quel posto, dove una mattina ti sei svegliato nel tuo appartamento da solo, uno spazio vuoto accanto a te dove era il tuo ex coniuge, e ti rendi conto: 'Ne ho abbastanza?'

In qualche modo - lentamente eppure all'improvviso - la pesante nube di lutto, i nodi di angoscia nel tuo stomaco sono spariti. Non hai mai pensato che se ne sarebbero andati. In effetti, potresti aver imparato a convivere con quella sensazione, accettandola come un'impronta inevitabile del trauma del divorzio. Hai smesso di combatterlo.

Ed è allora che se ne va.

Non c'è modo di prevedere quando accadrà. Le conseguenze di un divorzio sono composte da molte fasi dolorose e ogni volta che pensi di aver superato una fase, ne entri in un'altra. Sospetto che sia diverso per tutti. È una funzione di ciò che siamo e per quanto tempo siamo stati sposati, per non parlare della natura della nostra relazione e del modo in cui è andata in pezzi.

Sono stato sposato per sette anni di una relazione di quattordici anni iniziata quando avevo 20 anni. Quando io e il mio ex marito ci siamo separati, avevo 34 anni. Ero una persona diversa, con esigenze diverse (non che avessi mai saputo veramente cosa volevo all'età non matura di 20 anni). Il nostro divorzio non è stato amichevole, e quando entrambi abbiamo firmato i nostri documenti di divorzio, eravamo riusciti a distruggere il ricordo di tutto ciò che di buono era realmente esistito.

Così, quando finalmente è diventato ufficiale, sono stato sollevato. Non perché finalmente fosse finita, ma perché pensavo di poter finalmente andare avanti. Potrei finalmente essere libero dal dolore e dal dispiacere.



dormito con il mio migliore amico

Ma mi sbagliavo. Sì, avevamo firmato sulla linea tratteggiata, ma non era apparso magicamente alcuna linea temporale chiara per la guarigione. Non sapevo quale forma avrebbe preso il mio futuro immediato o come mi sarei sentito dopo. Continuerò ad essere triste? Avrei accumulato abbastanza esperienze per conto mio, in modo da poter iniziare a dire 'io' piuttosto che 'noi'? Mi sarei mai sentito normale, e ne avevo persino diritto? E se sì, quando?

Ma nessuno poteva dirmi quando. Non esiste un singolo momento determinante che segna il progresso. È un accumulo di centinaia di momenti intangibili - di piccoli cambiamenti - che si costruiscono l'uno sull'altro. A volte basta un segno - un incidente concreto - per far luce sulla tua crescita.

Questi segni possono presentarsi in molte forme, come ad esempio:

1. Smetti di andare sulla sua pagina Facebook per vedere se ha cambiato la sua immagine del profilo (dato che non sei amico, non sei a conoscenza di nient'altro).

beautyrx siero terapia esfoliante quotidiana

2. Non hai più la voglia irrefrenabile di parlare del tuo divorzio o di “cosa ti è successo” (puoi ancora scrivere al riguardo, però).

3. Entra in una nuova relazione in cui non piangi la prima volta che fai sesso.

4. Entra in una nuova relazione in cui non paragoni il nuovo ragazzo al tuo ex, controllando le qualità positive che ha che il tuo ex non ha. O forse sei arrivato così lontano che ti rendi conto che hanno anche alcune cose buone in comune.

ALTRO: 4 regole da seguire per ottenere il rapporto che desideri

5. Tua madre ti chiama in quello che sarebbe stato il tuo decimo anniversario di matrimonio, per vedere se stai bene, quando non sai nemmeno che giorno sia.

7. Ti invia un'e-mail di punto in bianco, e mentre provi uno sconcertante scossone di ansia, non ti manda in agitazione come facevano quelle e-mail. E anche se potresti prendere in considerazione la possibilità di riscriverti, sei troppo occupato nella tua vita che l'email viene sepolta nella tua casella di posta.

segni che vuole una relazione

8. Scopri che il tuo ex ha una nuova casa, una nuova moglie e forse anche un nuovo bambino. Sei mesi fa potrebbe averti portato sull'orlo dell'e-mail bombing, ma ora all'improvviso sei troppo impegnato ad arricchire la tua vita per non preoccuparti di cosa sta succedendo nella sua. Forse sei persino felice per lui.

9. Non inciampi nella parte 'ex' in 'ex marito' come facevi prima. Ora, ti scivola via dalla lingua.

10. E forse, hai riaperto il tuo cuore e hai permesso a qualcuno di nuovo di entrare, qualcuno che puoi persino chiamare 'marito'. Come ho fatto io.

Sei anni dopo che io e il mio ex marito ci siamo separati, e due settimane dopo aver avuto un sincero incontro di riconciliazione e aver dichiarato che finalmente avevamo finito, il mio nuovo futuro marito si è inginocchiato e mi ha chiesto di sposarlo.

Indovina cosa ho detto?

- ORITTE BENDORY

Oritte Bendory è una scrittrice e blogger con sede a Manhattan presso The Cougel Chronicles: Tales of a Jewish Cougar (O, If Carrie Bradshaw era ebrea e divorziata Big). Il suo libro di memorie per il nuovo matrimonio, 'To Love, Cherish & Disobey', è in arrivo. È anche un'ex sceneggiatrice e produttrice cinematografica.

Blog: thecougelchronicles.com
Sito web: orittebendory.com
Facebook: Facebook.com/cougelchronicles
Twitter: @Cougel